Biblioteca Comunale di Faenza
Collezioni, carteggi e Fondi Ultimo aggiornamento: 8 aprile 2016    
Breve viaggio attraverso i maggiori fondi e le raccolte costitutivi della Biblioteca Comunale
Breve viaggio attraverso i maggiori fondi e le raccolte costitutivi della Biblioteca Comunale.

Per maggiori approfondimenti si rimanda al volume, appena pubblicato, La Biblioteca Comunale di Faenza. La fabbrica e i fondi a cura di Anna Rosa Gentilini, Faenza, Studio 88 Editore, 1999, pp. 365 (sommario del volume)

Sezione della Biblioteca in cui sono conservate con criteri sistematici tutte le pubblicazioni a stampa, a partire dal secolo XVI, acquisite a qualsiasi titolo, relative alla città, al territorio, al comprensorio di Faenza, alle valli del Lamone, del Marzeno e del Senio, alla diocesi di Faenza-Modigliana. In questa sezione sono inoltre conservate tutte le opere di autori ed editori faentini di qualunque argomento trattino. Non sono comprese le tesi di laurea, i manoscritti, la documentazione fotografica , iconografica e cartografica, le composizioni musicali. Catalogato: con sigla RF (monografie e collane), MF (opuscoli e documenti sciolti), RF.PER (periodici e numeri unici). Accesso alla documentazione locale, dal 1922 al 1993, attraverso lo Schedario Bertoni: 260 cassettini con oltre 100.000 schedine.

Costituito da ciò che resta (dopo le distruzioni della 2° guerra mondiale) dei fondi originari che costituirono il primo patrimonio bibliografico della Biblioteca e provenienti in massima parte dalle soppresse congregazioni religiose e da donazioni varie. Riordinato per provenienza nel 1980 e collocato nella "Sala del Settecento" (ex scansie Archivio del Comune).
Totale volumi: circa 15.000 di cui 10.670 già catalogati.
Fondo in corso di catalogazione.

Raccolta di libri d'arte, cataloghi di mostre, cataloghi di musei e gallerie che si aggiorna, oltre che con gli acquisti, soprattutto con rapporti di doni/scambio con privati, banche e istituzioni culturali.
Periodo: sec. XX
Catalogato: con sigla SI, in SBN con stessa sigla n. 5.764

La raccolta, oltre ai manoscritti veri e propri, comprende anche cinque nuclei aggregati:
  • Schedario Rossini. Schede dattiloscritte riguardanti le fonti storiche faentine, divise in due parti, "per argomenti"-13 casettini di schede in ordine alfabetico che rimandano poi alla parte ® "documentaria" costituita da 41 album dove sono raccolte in ordine cronologico le fonti (particolarmente importanti le trascrizioni ed i regesti delle pergamene mediaveli faentine e degli atti dell’Archivio Notarile. Ambito di pertinenza: dalle origini al sec. XVI ma con notizie fino al sec. XX.
  • Raccolta tesi di laurea. Dono degli studenti a partire dagli anni Sessanta. 150 elaborati di argomento faentino
  • Collezione autografi: autografi dei secoli XVI-XVII (mss. nn. 319-329), autografi Baccarini (ms. n. 339), Pasolini (ms. n. 341), Costa (ms. n. 358), Ubaldini (ms. n. 400), Zannoni (ms. n. 401), Saffi (ms. n. 402). Autografi fondo Biblioteca Comunale (282 pezzi), fondo Museo Teatrale (190 + 296 pezzi), fondo Giuseppe Cantagalli (464 pezzi)
  • Carteggi personali: Francesco Zambrini, Piero Zama, Andrea Strocchi, Carlo Piancastelli/Emilio Biondi, Ennio Golfieri, Clara e Antonio Corbara (quest'ultimo unito però al fondo "Corbara")
  • Frammenti di manoscritti medievali: un centinaio di frammenti pergamenacei di manoscritti medievali.


Nel fondo manoscritti sono compresi: codici del sec. XV, Cronache, Statuti e ordinamenti, Archivi familiari, blasonari e genealogie, raccolte di iscrizioni, altri manoscritti di argomento faentino.

Tra i più conosciuti si citano: L'armonia di 50 altari di Giuseppe Boschi architetto faentino (1775), Opere di Francesco Salvolini (glottologo ed egittologo), Felice Feliciano Veronese [Sylloge inscriptionum latinarum veterum] (riconosciuto da Augusto Campana come in parte autografo).

Catalogazione: il fondo è catalogato solo in minima parte. Esiste un inventario del 1918 pubblicato nella collana Inventari dei manoscritti delle biblioteche d'Italia a cura di A. Sorbelli, Firenze, Olschki, vol. XXVI, pp. 5-59 a cui è stato aggiunto un ulteriore inventario (mai pubblicato) comprendente la descrizione dei mss. 330-409 (senza un indice). La raccolta delle tesi di laurea è catalogata; gli autografi "Biblioteca Comunale", "Museo del Teatro" e "Giuseppe Cantagalli" hanno ciascuno un indice-inventario.

Galleria immagini

La Biblioteca possiede attualmente 118 edizioni del Quattrocento di cui 33 non presenti nell'Indice generale degli incunaboli delle biblioteche d'Italia (IGI), Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1943-1981.

Provenienza: dalle soppressioni dei conventi religiosi, da lasciti e doni tra cui quello della famiglia Zauli Naldi (ben 13).

Catalogato: esiste un inventario/topografico.

Galleria immagini

La Biblioteca possiede 4.088 edizioni del XVI secolo, tutte censite durante i lavori per il censimento regionale delle edizioni del XVI secolo che, a differenza di quello nazionale, è stato esteso a tutte le cinquecentine, sia nazionali che estere.

Provenienza: dalle soppressioni dei conventi religiosi, da lasciti e doni e acquisti tra cui si segnalano le cinquecentine dei fondi "Ludovico Caldesi" (41 edizioni), fondo "Zauli Naldi" (1.113 di cui 636 di carattere giuridico), fondo "Giuseppe Bertoni" (93).

Catalogato: a schede.

Galleria immagini

Monete e medaglie dall'antichità al sec. XX

Fondo originario costituito dalla "Donazione Avv. Giacomo Pozzi" poi accresciutosi nel corso degli anni con altre donazioni e ritrovamenti.

Totale pezzi n. 5.513
Non catalogato (consultazione su appuntamento)

Galleria immagini

Musica manoscritta e a stampa di varia provenienza. Di particolare interesse a livello mondiale il Codice 117 Bonadies meglio conosciuto come Codex Faenza del sec. XIV-XV: costituisce la più ricca e più antica raccolta di musica strumentale. (Bonadies)

Tra i fondi musicali mss. e a stampa qui conservati vanno citati: un Antifonario cistercense (sec. XIV?), un Graduale (sec. XV), un Messale (sec, XV?), autografi di Giuseppe Sarti (1729-1802), le musiche di Lamberto Caffarelli, di Giuseppe Gallignani, di Antonio e Giuseppe Cicognani, di Pietro Bambi, di Giacomo Ancarani, di Gino Savioni, Angelo Padovani, Luigi ed Everardo Profili, Francesco Roncaglia, copie e autografi delle musiche di Gian Battista Marabini, Vincenzo Cimatti e Paolo Alberghi, la biblioteca del M° Ino Savini (storia e musicologia e storia della musica a Faenza), un fondo di mss. musicali di vari dei sec. XVIII-XIX.

É conservata una collezione di circa 900 libretti d'opera, oratori, etc. non sistematica e in corso di catalogazione: si tratta di esemplari che vanno dal XVI al XX secolo.

Periodo: dal XIV al XX secolo
Totale pezzi n.q.
Catalogato: il fondo Giuseppe Sarti, il fondo di musiche del '700, parte del fondo Cicognani, i libretti d'opera, inventario topografico musiche del M° Lamberto Caffarelli, inventario del fondo musicale M° Ino Savini. Consultazione su appuntamento.

Piero Zama (1886-1984) fu uno degli esponenti di spicco della cultura romagnola; i suoi molteplici interessi si concentrarono sullo studio delle tradizioni popolari, della storia di Faenza, delle signorie e dei personaggi romagnoli.
Questa donazione, pervenuta in Biblioteca nel 1987 e meglio descritta in questa nota introduttiva, è composta da 2821 opuscoli e 44 faldoni di corrispondenza.


Testi di letteratura francese in lingua
Sec. XIX-XX
Totale volumi n. 443
Catalogato in rete SBN: sigla SAV

Biblioteca privata a carattere storico-letterario
Sec. XIX-XX
Totale volumi n. 691
Catalogato: sigla G

Biblioteca privata a carattere letterario
Sec. XV-XX
Totale volumi n. 3.382
Catalogato: sigla R

Biblioteca privata a carattere letterario e umanistico con forte presenza di novità editoriali del periodo 1905-1931. Sono presenti anche 66 manifesti futuristi.
Sec. XIX-XX
Totale volumi n. 6.225
Catalogato: sigla S

Galleria immagini

Biblioteca privata a carattere letterario e locale
Sec. XV-XX
Totale volumi n. 2.512
Catalogato: sigla G

Biblioteca privata a carattere storico-agiografico con manoscritti autografi
Sec. XVIII-XX
Totale volumi n. 2.000
Catalogato: sigla L

Letteratura inglese in lingua
Sec. XIX-XX
Totale volumi n. 1.315
Catalogato: sigla ML

Storia locale tra cui i mss. autografi Memorie storiche di Faenza dalle origini al 1793 in 17 volumi di cui solo il primo fu pubblicato a Faenza dal Conti nel 1844. Integrati con le Giunte, gli Appunti e i Pro memoria e miscellanee
Sec. XV-XIX
Totale volumi n.q.
Catalogato: nel fondo Manoscritti

Biblioteca privata a carattere giuridico
Sec. XV-XX
Totale volumi n. 9.066
Catalogato: sigla G

Biblioteca privata con testi soprattutto in lingua inglese di alimentazione naturista, macrobiotica, medicine alternative
Sec. XX
Totale volumi circa 800
Catalogato: in SBN sigla FRUTT

Biblioteca privata di carattere generale
Sec. XIX-XX
Totale volumi n. 3.671
Catalogato: in SBN sigla SIL.

Raccolta costituita da soli libri di medicina, generale e specialistica, iniziata nel 1931 con il lascito del prof. Alberico Testi cui fecero seguito i lasciti del dott. Paolo Galli e del dott. Vincenzo Graziani, proseguita nel 1937 con la donazione Antonio Dal Prato (in particolare le carte dell'Archivio della Società Medico-Chirurgica Romagnola) e nel 1962-1998 dalla donazione del dott. Guido Gottarelli.
Sec. XVIII-XX
Totale volumi n.q.
Non catalogato

Raccolta libraria con prevalenza di testi di tecnologia
Sec. XX
Totale volumi n. 6.000
Catalogato: solo 492 volumi in SBN con la sigla MLGIO

Fondo costituito da testi di narrativa e storia, da 223 stampe (incisioni calcografiche) e da manifesti storici di argomento faentino.
Libri sec. XX, stampe sec. XVIII-XX
Totale pezzi circa 1300
Catalogato: i libri in SBN con sigla EMI

Biblioteca privata costituita da 925 testi di arte e architettura e 1.740 disegni e progetti autografi di carattere architettonico.
Sec. XX
Totale pezzi n. 2.665
Catalogato: i libri in SBN sigla MLGOL, i disegni e i progetti nel Fondo Stampe e Disegni

Attualmente una parte della corrispondenza personale di Ennio Golfieri è conservata in 36 scatole . Ad ogni corrispondente è stata assegnata un'apposita cartella, disposta in ordine alfabetico. In totale i corrispondenti sono risultati 557. All'interno di ogni cartella, la corrispondenza è disposta in ordine cronologico. Il totale delle unità ammonta a 3.084.

Biblioteca privata specializzata in botanica e scienze naturali
Sec. XV-XIX
Totale volumi n. 1.428
Catalogato: sigla H

Galleria immagini

Raccolta costituita da testi di carattere politico-sociologico
Sec. XX
Totale volumi n. 589
Catalogato: sigla W

Biblioteca privata con prevalenza di testi di teosofia, esoterismo, filosofia e storia delle religioni a cui si aggiungono il carteggio e i manoscritti autografi musicali sec. XIX-XX catalogati e ricercabili tramite l'Opac Romagna.
Totale volumi n. 8.000, manoscritti autografi musicali n. 485, carteggio di 396 corrispondenti (17 faldoni) dal 1898 al 1962 oltre a manoscritti, carte personali e appunti di studio raccolti in 71 scatole e 22 volumi manoscritti.
Catalogato: volumi con la sigla MC, manoscritti con sigla RM-Fondo musicale Caffarelli, carteggio riordinato e accessibile tramite elenco alfabetico.

Ricchissima biblioteca d'arte con annessi fototeca e archivio. Il fondo si compone di 2.270 libri d'arte, medicina e narrativa, circa 2.000 opuscoli e piccole pubblicazioni, 3.000 articoli di giornale, un centinaio di riviste e giornali, archivio e schede dattiloscritte formato da 20.648 pezzi riguardanti il patrimonio artistico romagnolo, corrispondenza privata con studiosi e critici d'arte composta da 3.506 pezzi, 10 album di fotografie della seconda metà del XIX sec. e dei primi del '900, 18 disegni autografi di Giò Ponti. Particolare importanza riveste la fototeca, forte di ben 18.749 fotografie (2.500 riguardano la sola pittura trecentesca riminese) -realizzate in massima parte dela dott. Corbara-, 5.620 cartoline e 6.782 negativi fotografici.
È disponibile un elenco dei corrispondenti compilato in via preliminare all'ordinamento del carteggio stesso.
Sec. XVIII-XX
Catalogato: i libri in SBN con sigla COR, per il materiale fotografico esiste un Inventario dell'Archivio fotografico del fondo "Clara e Antonio Corbara". Sezione riminese.

Biblioteca di famiglia composta da:

-antica biblioteca della famiglia Zauli Naldi (la cui origine si deve a mons. Domenico Zauli (1637-1722), vescovo di Veroli, Vicegerente del Vicario dal 1701 al 1712 e Assessore del S. Uffizio dal 1712) comprese le scaffalature lignee tardo settecentesche, suddivisa per argomenti, comprensiva di 7.530 volumi a stampa (prevalenza di testi giuridici) e manoscritti dal sec. XV al sec. XIX e 2.776 opuscoli;

-biblioteca del Conte Dionigi Zauli Naldi (1891-1960) che consta di circa 1.000 volumi di letteratura moderna e contemporanea con preziose dediche autografe degli autori;

-biblioteca del Conte Luigi Zauli Naldi (1894-1965) -alla cui volontà si deve l'accessione del Fondo nel 1965- formata da oltre 3.000 volumi a stampa e manoscritti antichi e moderni, di argomento prevalentemente faentino;

-archivio Zauli Naldi raccolto in 260 faldoni con documenti concernenti la famiglia Zauli Naldi e altre famiglie faentine e romagnole ad essa legate da vincoli di eredità o parentela.

E' stato catalogato tutto il fondo giuridico composto di 670 cinquecentine e di 1110 edizioni dei secoli XVII e XVIII.

E' stata ultimata la catalogazione delle miscellanee raccolte in 95 faldoni (coll. "M Z.N."), quella dei manifesti teatrali locali raccolti in 10 cartelle e quella di 100 carte geografiche a fogli volanti (coll. "Gabinetto di Stampe").

E' inoltre in fase di ultimazione la catalogazione dei fogli volanti e delle pubblicazioni per nozze raccolti in 20 cartelle.

Va ricordato che i volumi di argomento faentino e romagnolo erano già in precedenza catalogati con sigla RF.


Galleria immagini

Raccolta privata di testi di letteratura e filologia classica latina e greca
Sec. XVI-XX (93 edizioni cinquecentine)
Totale volumi n. 3.483. Completamente catalogato con sigla "Bertoni".

Biblioteca privata a prevalente carattere filosofico
Sec. XX
Totale volumi n. 3.314
Catalogato: in SBN con sigla POL

Biblioteca privata a prevalente carattere religioso e locale
Sec. XIX-XX
Totale volumi e opuscoli n. 3.054
Catalogato: in SBN con sigla MAZ

Conta circa 450 corrispondenti e 4.105 pezzi tra lettere, cartoline e biglietti suddivisi in fascicoli in ordine alfabetico di corrispondente; all'interno di ogni fascicolo le lettere sono in ordine cronologico.

Collezione raccolta in 16 album e formata da 29.580 figurine di scatole di fiammiferi a cui si aggiungono altri 6 album contenenti complessivamente altri 6.000 pezzi relativi a pubblicità, confezioni e incarti vari colorati.
Periodo: 1870-1920

Galleria immagini

Disegni e scenografie autografi
Sec. XIX
Totale pezzi n. 1.329
Catalogato: esiste inventario analitico dei disegni e delle scenografie raccolti in 12 fra scatole e album ancora legati.

Nel 1999 sono stati acquistati presso l'antiquario Tonini di Ravenna (con il contributo di Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio di Faenza) 130 disegni, raccolti in un album, che sono già stati inventariati.

Galleria immagini

Disegni autografi
Sec. XX
Totale pezzi n. 1914 disegni e 45 quadri
Catalogato: fondo Stampe e Disegni

Il lavoro di riordino dei materiali contenuti nella cassapanca già depositata presso la società Torriceliana di scienze e lettere (e ora restituita alla biblioteca) ha portato alla luce altri 686 disegni dell'artista (già inventariati) a cui si sono aggiunti: documentazione sul monumento a Baracca, diplomi, minute autografe di lettere , appunti e testi, 1043 articoli di giornali, opuscoli e miscellanee rare, foto personali, foto di sue opere d'arte, riproduzioni varie e cartoline.

Galleria immagini

Stampe e libri
Sec. XV-XX (libri sec. XX)
Totale pezzi 144 stampe, 511 libri
Catalogato: Fondo Stampe e Disegni

E' composta da 144 stampe dei secoli XV-XX e da 511 libri d'arte tra cui l'opera in settanta volumi The Illustraded Bartsch. Nella collezione è presente un paravento a cinque ante di tela e legno con incollate incisioni appartenenti all'opera di Vincenzo Coronelli Teatro della guerra diviso in quarantotto parti, Napoli 1706.

Le stampe sono state tutte inventariate dall'Istituto per i Beni Culturali dell'Emilia Romagna e inserite nel catalogo Imago a cura del medesimo istituo regionale. I libri sono stati tutti catalogati.

Articolo sulla collezione Sabbatani

Libri
Sec. XIX-XX
Totale pezzi: 182
Catalogato

La donazione effettuata dalle figlie di Oddone Assirelli (1883-1960), professore all'Università di Bologna e allievo del grande linguista Alfredo Trombetti, contiene esclusivamente volumi di linguistica e glottologia relativi in gran parte a lingue e dialetti africani. Alcuni di questi volumi sono di grande pregio e rarità.

Di artisti vari (nazionali, locali, esteri) tra cui il corpus dei disegni di Giuseppe Pistocchi, stampe su seta (la più antica da noi posseduta è del 1656)
Sec. XVI-XX
Totale pezzi: 10.000
Catalogato: fondo Stampe e Disegni.

Galleria immagini

Raccolta di fotografie, negativi, lastre, riproduzioni, clichés, cartoline di varie provenienze. Di interesse locale, nazionale, estero.
Periodo: seconda metà dell’Ottocento
Totale pezzi: circa 60.000
Catalogato: solo in minima parte.

Galleria immagini

Con il nome generico di "Periodici Estinti" (cioè non più in corso), si definisce quella sezione in cui sono raccolti documenti molto diversi fra di loro: periodici antrichi e famosi, testate che hanno segnato un’epoca e giornali semplicemente vecchi. Costituitosi in seguito a lasciti e donazioni varie e ad abbonamenti effettuati direttamente dalla Biblioteca.

Si possono distinguere alcuni nuclei tematici dei quali elenchiamo qualche titolo particolarmente importante e curioso.

  • Riviste antiche (fino al primi decenni del XIX sec.): "Il Giornale de Letterati" stampato a Roma, "Giornale de' Letterati" stampato a Pisa di cui possediamo l'intera raccolta 1771-1796; "Le Mercure galant" (1673-1674), "Estratto della letteratura europea", "Biblioteca italiana"
  • Riviste curiose, di attualità, di moda: "Journal des demoiselles" (1845-1848, 1877-1892), "L'ultima moda" (1887-1889), "La brava domestica" (1933-1934), "L'Illustrazione italiana" (1873-1962), "L'Illustration" (1880-1939), "L'Illustrazione popolare" (1869-1916), "Omnibus" (1937-1938), "Bolero film" (1947-1950), "Luci del Luna park" (1947-1956), "L'Idea naturista. Organo mensile dell'Unione Naturista Italiana" (1932-1943), "La Radio rurale" (1934-1938)
  • Riviste legate ad un momento particolare o ad uno scopo particolare: "La Testa di ferro. Libera voce dei legionari di Fiume", "Il Risveglio. Settimanale di tecnica della vita associata", "Giornale per l'abolizione della pena di morte" (1861-1865)
  • Riviste satiriche e umoristiche: "L'Asino" (1896-1925), "Becco giallo" (1924-1925), "Fischietto" (1862-1872), "Guerin meschino" (1920-1931), "Il Merlo giallo. Disintegratore del malcostume politico" (1946-1951), "Pasquino" (1873-1889), "Spirito folletto" (1869-1874)
  • Riviste di arte, musica, teatro: "Emporium" (1895-1963), "Cronache d'arte" (1924-1928), "Das Interieur. Wiener Monatshefte für angewandte Kunst" (1900), "The Studio" (1905-1907), "Il Diapason" (1950-1953), "Comoedia" (1919-1933)
  • Riviste di argomento religioso-ecclesiastico: "Bilychnis" (1912-1931), "La Rassegna nazionale" (1894-1936), "Battaglie d'oggi" (1905-1912), "Il Rinascimento" (1921-1922), "Coenobium" (1906-1919)
  • Riviste di libri: "La Lettura" (1901-1943), "I Libri del giorno" (1918-1929), "Il Libro italiano" (1928-1929), "Minerva. Rivista delle riviste" (1902-1942)
  • Riviste di viaggi e turismo: "Vie d'Italia" (1921-1967), "Vie d'Italia e del Mondo" poi "Vie del Mondo" (1933-1967)
  • Periodici romagnoli: "Il Corriere padano" (1928-1943), "La Romagna, nella storia, nelle lettere e nelle arti" (1904-1928), "La Santa Milizia" (1922-1944), "La Romagna sportiva" (1926-1927, 1929-1935), "Il Plaustro"
  • Periodici politici: "La Folla" (1901-1904, 1912-1914), "Il Socialismo" (1902-1904), "L'Azione democratica" (1906-1911), "Il Popolo d'Italia" (1914-1943), "L'Ardita. Rivista mensile del Popolo d'Italia" (1919-1921), "Rivista illustrata del Popolo d'Italia" (1927-1943), "L'Uomo qualunque" (1945-1958). La Biblioteca ha provveduto ad acquistare dei reprint di celebri periodici di opposizione al Fascismo: "La Rivoluzione liberale", "La Libertà. Giornale della coalizione antifascista", "Lo Stato operaio", "Giustizia e libertà"
  • Riviste che hanno segnato il dibattito culturale della prima metà del Novecento: "Il Baretti" (1925-1928), "Convegno" (1920-1932), "La Critica" e i "Quaderni de La Critica" (1903-1944), "Critica fascista" (1923-1937/38), "Frontespizio" (1931-1940), "Gerarchia" (1922-1943), "L'Italiano" (1926-1933), "Leonardo" (1925-1947), "Il Marzocco" (1899-1902, 1904-1932), "La Ronda" (1919-1922), "Solaria" (1926-1931), "La Voce" (1908-1916), "Mercurio" (1944-1946), "Aretusa" (1944-1946).
Totale testate n. 1.588 suddivise in R (riviste) e G (giornali)
I periodici contrassegnati dalla lettera "G" non sono, al momento, consultabili.

Galleria immagini


Torna all'inizio